Alimentazione

Zuccheri in allenamento

Se mi segui da tempo avrai certamente visto i miei video in cui ti ho spiegato quanto l’abuso di zuccheri semplici sia pericoloso sia per la linea che per la salute.

Gli unici carboidrati che dovremmo introdurre nella nostra alimentazione quotidiana sono quelli complessi e integrali come riso e pasta, orzo, farro, avena e ridurre al minimo l’assunzione di ogni tipo di zucchero semplice perooooò….

Eh sì, perché devi sapere che i muscoli funzionano a glucosio, uno zucchero che può essere introdotto in forma semplice come per esempio con lo zucchero da cucina, oppure ottenuto dalla digestione di carboidrati complessi come la pasta.

Quando ti alleni i muscoli usano il glucosio come carburante e più l’allenamento è intenso più glucosio viene utilizzato. Quando quindi ha senso introdurre zuccheri semplici? Come gestire correttamente questi zuccheri in allenamento?

Ci sono 3 momenti in cui introdurre zuccheri semplici è la cosa giusta da fare.

Primo momento:

Se ti aspetta un allenamento molto intenso è importante, quindi, avere carburante per i tuoi muscoli, ed è opportuno farti trovare preparata. Sarebbe controproducente, per esempio, fare un allenamento ad alta intensità alla mattina appena sveglia a digiuno. In quel frangente dovresti magari bere un succo di mela o mangiarti qualche cucchiaino di miele 20-30 minuti prima dell’allenamento e poi fare la parte diciamo solida della colazione dopo aver fatto la doccia.

Secondo momento:

Gli zuccheri semplici sono di vitale importanza durante un allenamento molto lungo come può essere per esempio una corsa o una pedalata che si protrae oltre le 2 ore. In questo caso l’utilizzo di barrette energetiche e di zuccheri sotto forma liquida o gel sono fondamentali per scongiurare quella che in gergo si chiama “crisi di fame”.

Terzo momento:

Riguarda il post allenamento per ripristinare le riserve di glicogeno muscolare ed epatico. Introdurre zuccheri semplici nella mezz’ora dalla fine dell’allenamento velocizza il recupero. Ecco questo aspetto è utile unicamente per gli atleti agonisti che fanno più di un allenamento al giorno.

Se solitamente fai allenamenti che durano meno di 1 ora, 3 o 4 volte alla settimana ecco come ti devi comportare.

L’unica accortezza che devi avere è di evitare di fare allenamenti intensi alla mattina a digiuno, perché in tutte le altre situazioni sei coperta dai carboidrati che hai introdotto nei 5 pasti principali.

Se per esempio vuoi fare una passeggiata di 1 ora non ci sono problemi, viceversa se segui uno degli allenamenti ad alta intensità che propongo nei miei videocorsi potresti sentirti debole.

Ricorda, più l’intensità è alta e più velocemente esaurisci le riserve di zuccheri in allenamento.., come d’altronde avviene anche con la tua macchina, più vai veloce e più consuma.

4 pensieri su “Zuccheri in allenamento

  1. Ecco…quando torno dalla palestra o una passeggiata di un’ora ho più fame ….tante volte mi mangio un cioccolatino …..nn va bene vero Marco ?????

  2. Ciao ,Sono maria teresa ,38 annie da giugno sto seguendo una dieta chetonica a varie fasi, mi é servita x attaccare subito grasso e perdere cosi 35 kg,sono partita da127,700 e sono arrivata a 93kg. Sono fortunata ke ho perso solo massa grassa,ma le braccia iniziano ad appendere ,mi da fastidio ed anke interno coscia e pancia… Come mi potresti aiutare??? Grazie in anticipo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *